La nostra storia

L’attuale Croce Rossa di Novellara è nata, per merito di due Novellaresi, la Sig.na Gabriella Lombardini e il Sig. Giorgio Rebecchi, nel giugno del 1985 come Delegazione del Sottocomitato Croce Rossa di Guastalla; Delegazione in quanto all’inizio il gruppo non era economicamente autonomo.

La disponibilità dell’Amministrazione comunale, nel concedere i locali dell’ex ospedale in funzione di sede (a sinistra, nella foto) e l’aiuto del sottocomitato di Guastalla nel prestare una delle loro ambulanze, diedero forza e coraggio ai 60 Volontari di allora di iniziare a prestare servizio di pronto soccorso, 24 ore su 24, per 365 giorni all’anno facendoli distinguere per la loro serietà, disponibilità e professionalità.

Dopo alcuni mesi di servizio arrivò la prima nuova ambulanza; dopo 2 anni l’Amministrazione comunale assegnò come sede gli attuali locali, avvenimenti storici per i Volontari che servirono a rafforzare, incoraggiare ed aumentare il gruppo fino ad arrivare agli attuali 120 Volontari attivi.

La sempre presente disponibilità dei cittadini Novellaresi, riconoscenti in qualsiasi momento al nostro volontariato, permisero alla Croce Rossa di Novellara di acquistare la 2° e la 3° ambulanza nuova portando l’attuale Comitato a svolgere all’anno 1800 servizi e a percorrere circa 65000 km.

In questi anni  i Volontari C.R.I. di Novellara, oltre ad effettuare servizio di primo soccorso, sono stati sempre presenti con la protezione civile, anche fuori regione, nelle zone colpite da calamità quali il terremoto o alluvioni; inoltre come assistenza socio-sanitaria sono state fatte parecchie raccolte di viveri, medicinali e vestiari consegnati direttamente dal gruppo di Novellara agli alluvionati di Alessandria, ai terremotati dell’Umbria e due volte in Jugoslavia nei campi profughi.

Nel marzo del 2000 la Croce Rossa di Novellara da Delegazione diventa Comitato Locale, con una propria gestione economica, entrando così a far parte del Comitato Provinciale di Reggio Emilia.

Lo stendardo della Croce Rossa Italiana di Novellara, ha avuto il grandissimo onore di ricevere dall’Amministrazione Comunale la medaglia d’oro, riconoscimento unico in Italia, quale segno di gratitudine alla grande disponibilità di tutti i Volontari sempre pronti ad intervenire per i loro Concittadini e per tutti coloro che chiedono aiuto.

Nel novembre 2001 hanno inizio i lavori di costruzione dell’attuale sede che viene inaugurata a tempo di record nel dicembre 2002. 

I nuovi locali, oltre ad ospitare gli Uffici del Comitato, sono attrezzati per agevolare il lavoro dei Volontari che, gratuitamente, prestano la loro opera di sostegno a servizio della comunità.

Nel 2012, a seguito del sisma che ha colpito l'Emilia-Romagna, forte è stato l'impegno del Comitato Locale di Novellara per supportare le popolazioni maggiormente colpite dal terremoto: a partire dalla mattina del 20 maggio fino alla chiusura definitiva del Campo di Accoglienza di Reggiolo, avvenuta a metà settembre, decine di volontari si sono alternati per garantire assistenza e soccorso a chi, in quel momento, ne aveva maggiormente bisogno. L'evacuazione dell'ospedale di Carpi, della casa di riposo di Reggiolo e il trasferimento di pazienti dagli ospedali di Mirandola e Finale Emilia verso altre strutture sanitarie della regione sono alcuni esempi dei grandi sforzi che i volontari di Novellara hanno profuso per collaborare attivamente alle operazioni di soccorso conseguenti a questa calamità naturale.

Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.